Categoria: Scritti

Questa sezione non è un blog è proprio un BLOB come un pentolone in ebollizione, pieno di ingredienti, pubblicazioni, interviste, idee assortite. Qui sono raccolti alcuni miei lavori, divisi per categorie: scritti, documentari, incontri, ecc. Vedere per credere :-)

 

Filtra per categoria
Scritti

Ma evitiamo la psicosi. L'impatto sociale dell'emergenza Covid

l'Adige, 11 ottobre 2020

La malattia non è soltanto una questione medica, è un fenomeno al contempo sociale, politico, economico. Ed è giusto raccontare anche le crisi, i dubbi, i sensi di colpa, gli abusi. Perché non si vive di soli allarmi. Non si vive di sola emergenza. L'Associazione nazionale professionale italiana di Antropologia (ANPIA) in un report intitolato "La società in provetta" ha analizzato questa situazione, il timore del contagio, le nuove fobie, le conseguenze del distanziamento fisico. In breve, l'impatto sociale del covid.

Vai
Scritti

Gli invasati del voto USA

Il sermone della pastora protestante evangelica Paula White, consigliera spirituale di Donald Trump: una giaculatoria delirante volta a propiziare la rielezione del vecchio presidente. Una sorta di rituale propiziatorio, sfociato in una crisi di possessione. Come accade in altre zone del mondo durante eventi religiosi coinvolgenti, il fedele entra in uno stato di estasi, perdendo il lume della ragione. 

Vai
Scritti

La pastorizia non è sacra

Possibile che non si riesca a superare quella connotazione medievale del lupo come simbolo della natura ostile? Forse perché il Cristianesimo è una religione nata tra i pastori. Ma se la Bibbia è zeppa di metafore ovine, questo non significa che la pastorizia sia sacra. Il lupo fa il lupo. La convivenza è scomoda, sì, ma è inevitabile.

Vai
Scritti

Covid-19 e tristezza

Tra il Covid 19 e la tristezza - "Noi e il virus"l'Adige, 31 ottobre 2020 Mascherina, cappello, occhiali e auricolari.

Vai
Scritti

Borneo, oranghi e olio di palma

Borneo. Per noi italiani c’è l’eco dei libri di Emilio Salgari, con i suoi tigrotti della Malesia, Sandokan, le orge dei tagliatori di teste Dayaki. In Borneo  la ricchezza della natura è travolgente, ed è possibile trovare alcuni nostri parenti stretti, gli oranghi. I primatologi  sostengono che questi  meravigliosi scimmioni rossi sanno elaborare e tramandare cultura. Purtroppo la sopravvivenza dell’Orang Utan è minacciata dalla deforestazione e dalle nuove piantagioni di palme da olio.

Vai
Scritti

Italiani razzisti?

Da una parte quelli che hanno la pelle scura, visti come un’unica categoria umana, di volta in volta inferiore, temibile, in qualche modo colpevole di coesistere. Dall'altra “italiani veri” e fieri, come l’allevatore di tori che ha massacrato l’immigrato Emmanuel Chidi Namdi, a Fermo. E così va a finire che all’estero si fanno un’idea dell’Italia, come Paese retrogrado e razzista. Solo in parte, per fortuna.

Vai
Scritti

Se questo è un uomo: boscimane

I boscimani non sono mai stati primitivi, casomai lo sono diventati. Prima di conoscere nuove necessità, come alcol e denaro, avevano uno stile di vita e avevano sviluppato una tecnologia che soddisfaceva in tutto le loro esigenze. A Kagga Kamma, in Sudafrica, vivono in riserva. Non sono più autosufficienti e vengono mostrati come attori, o freak, di un etnoshow.

Vai
Scritti

Youtuber lancia Suv dall'elicottero

Giovane milionario russo che ha fatto precipitare la sua jeep da un elicottero in volo, solo per il gusto di vederla schiantare al suolo. Lo youtuber russo Igor Moroz: "Un sogno finalmente realizzato. Se qualcuno di voi desidera un gippone così ma non può permetterselo, vuol dire che ha sbagliato tutto nella vita".

Vai
Scritti

Freaks. Scienza e devianza

Testo di una mostra che segue due fili rossi. Il primo è la storia  di quelle bizzarrie che hanno sempre animato lo spirito del collezionismo. Il secondo è la storia della diversità antropologica. I diversi nel fisico, nel comportamento e nella moralità , quali erano giudicati idioti, folli, briganti, indigeni di terre lontane.

Freaks-scienza-e-devianza.pdf

Vai
Scritti

Quale turismo dopo lo tsunami?

Governi e tour operator rassicurano: nel Sudest asiatico tutto è tornato normale. Sono già nati gli “Tsunami tour”, cioè i viaggi organizzati sui luoghi spazzati dal maremoto, con relativi gadget del “Ground Zero tropicale”. La macchina della ricostruzione dei resort turistici si è  avviata. In Thailandia, la mafia russa controlla diverse spiagge. E' il ritorno alla normalità che bisogna temere.

Vai
Scritti

Turismo: le nuove frontiere della sicurezza

l mondo delle garanzie, delle vaccinazioni, delle omologazioni, delle standardizzazioni, delle certificazioni, questo mondo ben temperato e fiscalizzato, ha prevalso. I suoi protocolli, ormai accettati da ogni parte politica, hanno invaso la nostra vita quotidiana. Sembriamo davvero appartenere a quella che lo psicoanalista americano James Hillman ha chiamato la "civiltà dell'airbag".

Vai
Scritti

Mollare gli ormeggi

Disconnettersi, affrancarsi, evadere. Staccare la spina, tagliare la corda. Sono metafore di scioglimento dai legami di una quotidianità gravosa e appiccicosa. Dove si è andati o si andrà in vacanza è un argomento di conversazione convenzionale, cui poche persone resistono. Perché si viaggia, invece, è una domanda importante, quasi destabilizzante, che raramente ci si pone.

Vai